La voglia di sperimentare, di migliorare e l'esperienza artigianale, sono lo slancio per aggiornare e affinare il processo di distillazione.

Dal 1950 la mia famiglia ha iniziato in modo stabile e strutturato un attività che fino a quel tempo era sporadica, saltuaria, la distillazione di vinacce. Erano gli anni del secondo dopoguerra, difficili, duri di riscatto. Con tenacia grazie alla conoscenza del territorio, alle amicizie con i vignaioli, all’esperienza nella coltivazione della vigna che a quei tempi era ampiamente presente nella nostra valle, abbiamo iniziato e portato avanti una storia, un sogno...
La distilleria nel tempo si e’ evoluta, introducendo man a mano che erano disponibili le nuove tecnologie, ma puntando sempre sulla tradizione e sulla salvaguardia della qualità del prodotto. Gli impianti della distilleria, a ciclo discontinuo, sono progettati e continuamente migliorati nel solco dell’antica tradizione trentina.

La barricaia

Un luogo dove posso ancora
immaginare
sognare
realizzare
quello che amo fare.

La distilleria

Mi piace pensare alla distilleria
come ad un luogo di
"archeologia" artigianale,
un mondo in tutto e per tutto
romantico.

La distillazione è seguita personalmente dai titolari, perché le tecnologie distillatorie nulla servono se non accompagnate da conoscenze e soprattutto da esperienza, tramandata come nel nostro caso da generazione in generazione. Infatti, ogni tipo di vinaccia, per dare il meglio, deve essere lavorata in maniera diversa.

Tutte le grappe prodotte dalla distilleria provengono da vinacce selezionate trentine e soprattutto selezionate dopo un’attenta zonazione viticola del territorio, in modo così da poter avere le vinacce migliori dalle zone più vocate per ogni tipo di vitigno. Ad esempio il Muller Thurgau proviene esclusivamente dalla Valle di Cembra, il Teroldego dalla piana rotaliana (Mezzolombardo e Mezzocorona), il Marzemino da Isera, lo Chardonnay dalle colline che sovrastano la Valle dell’Adige.

Questa selezione ci permette di avere delle vinacce ricche di profumi intensi ma gentili, armoniosi che fanno ricordare alla grappa le origini del vitigno di provenienza. Le nostre grappe alle erbe, con l’esclusione della grappa di liquirizia; sono ottenute dall’infusione di finissima grappa con le erbe raccolte da noi sulle montagne che circondano il paese di Campodenno, posto ai piedi del gruppo del Brenta e del parco Adamello Brenta.

Acqua
Nella produzione delle nostre grappe utilizziamo solamente l’acqua proveniente dal parco Adamello Brenta da un’altezza di circa 2000 metri. Acqua pochissimo calcarea, molto fresca, purissima con un gusto molto piacevole.
Il territorio

Il Trentino ed in particolare la Val di Non sono terre da secoli vocate alla coltivazione della vite. Dalle popolazioni retiche conosciute per il loro vino fino all’epoca moderna quando nella nostra comunità i vigneti erano tutelati ed erano stabilite norme per il commercio del vino. Un territorio che ha mantenuto tradizioni rurali e architetture medioevali, chiese affrescate e antichi manieri che permettono di abbinare visite culturali a degustazioni di prodotti tipici.

La distilleria Pezzi nasce ufficialmente nel 1950 per opera del papà Fabio e dello zio Ottavio, continuando la tradizione contadina tramandata dal nonno che vedeva nella produzione della grappa un aiuto per il sostentamento della famiglia. La zona in cui risiede la distilleria, oggi concentratasi nella produzione di mele, un tempo infatti ha visto nascere la prima cantina sociale del Trentino.

Famiglia
Logo Tutela Grappa del Trentino

La distilleria Pezzi fa parte dell’Istituto Tutela Grappa del Trentino, il quale, insieme con l’istituto Agrario di San Michele all’Adige e alla Camera di Commercio di Trento garantisce, tramite l’apposizione del marchio, l'elevato grado qualitativo del prodotto. Infatti la grappa, prima di essere imbottigliata, deve subire un’analisi chimica per garantire il rispetto ai parametri di legge e un’analisi sensoriale e gustativa per garantirne la qualità.